Perchè i pannolini lavabili? Anzi, perchè no?

 

pannolini

Dunque, faccio parte di quella stretta cerchia di gente che anni orsono, nel lontano 2008, incappò in questa specie di revival di una pratica usata per centinaia di anni..l’uso dei pannolini lavabili (abbreviati con PL) per bambini .

Il revival sta ad indicare che non è soltanto un tornare indietro e quello che facevano le nostre nonne, ma è anche la rivisitazione di una vecchia pratica: il pannolino di nuova generazione è studiato per ridurre al minimo i fastidi per il bambino e per permettere alla mamma lavanderina di continuare lo stesso a vivere secondo i ritmi della propria epoca.

 

Cosa mi ha convinto a usarli?

°°°°°

Niente e nessuno, trovai un volantino che pubblicizzava questa pratica nello studio della mia ginecologa, in quanto all’epoca il mio comune di residenza promuoveva l’uso dei PL e regalava anche un kit di pannolini a tutti i bimbi frequentanti il nido comunale. Non ho visto nè pubblicità, nè qualcuno che li usava, nè avevo idea di dove comprarli. Provai a cercare su internet ma trovavo solo una marca tedesca su una pagina web abbastanza incomprensibile. Poi trovavo dei video su youtube su come lavarli. Poi nulla più.

Dopo qualche mese dalla nascita venni a sapere che una conoscente di una conoscente li stava usando, mi feci dare il numero di telefono e le chiesi come andava, come si trovava e dove aveva acquistato. Così azzardai a comprare un kit di prova, forse uno dei miei primi acquisti on line. La mia prima figlia aveva 4 mesi. Da quando ne compì 5 usai i pannolini lavabili praticamente a pieno ritmo. Motivazioni di risparmio? Non tanto.. Motivazioni di rispetto per l’ambiente? Non solo.. Quello che mi ha spinto di più è stato il fatto che i bambini stanno a contatto col pannolino 24 ore su 24, per circa 3 anni. Da donna che sono , costretta dall’età di 12 anni a gestire questo aggeggio (il pannolino usa e getta  -abbreviato in U&G-, il motivo per cui si porta può variare ma sempre un pezzo di plastica imbevuto di strani gel si tratta), mi sono sempre chiesta..ma sti poveri bimbi non hanno fastidio??

 

E così è iniziata l’avventura. Io li trovo comodi, belli, e fastidiosi nè piu nè meno di calzette mutande e magliette sporche di pappa. Certo, mettere le mani “nella marmellata” non mi fa fare i salti di gioia, ma si tratta di pochi mesi, una volta svezzati a pieno ritmo, i bimbi non fanno più una cacca così tanto ingestibile. Adesso col secondo figlio sto usando sempre gli stessi pannolini, che si sono tenuti benissimo, ho solo dovuto rimettere gli elastici qui è là, con l’aiuto di una sarta. A chi li consiglio?? A chi li trova interessanti..a tutti gli altri non credo di poter dare motivazioni valide per usarli. Se vi interessa, provateci e non resterete delusi. Ho scritto anche un articolo sulla loro misteriosa e inquietante gestione.

Se non vi interessa, chiedetevi bene il perchè, se proprio siete convinti che non faccia per voi, lasciate stare. Ma vi assicuro che non è così male come sembra. Dal 2008 uso anche per me assorbenti lavabili, e ho anche un certo rancore verso me stessa  per non averli provati prima.  Certo, non sapendo della loro esistenza non posso recriminarmi nulla. Però lo stesso non sopporto l’idea di aver usato degli oggetti per così tanti anni senza mai chiedermi se esistesse una valida alternativa.

Condividi su altri luoghi del web: