La raffinata arte del sì sì con la testa

 

sfinge

Oggi sono ispirata a scrivere sulla famosa arte del sì sì con la testa, una forma creativa che le mamme devono imparare presto a gestire, per poter sopravvivere serenamente al loro ingresso nel mondo genitoriale.

Il primo pensiero di una neomamma (ma anche neopapà) alle prese con osservazioni, consigli non richiesti e notizie catastrofiche riguardo alla puericultura -specialmente quella riguardante neonati- sarebbe quello di rispondere abbastanza gentilmente e di offrire il proprio punto di vista, spiegando perchè e per come abbia deciso di fare una cosa piuttosto che un’altra. Insomma, come in una discussione di qualsiasi altro tipo: tu dici la tua, io dico la mia, civilmente osserviamo che forse entrambi abbiamo un pochino di ragione,  poi dipende sempre dal caso specifico, non si può generalizzare ecc ecc e così via con un normo-dialogo.

Ebbene: quando si tratta di neonati o bambini molto piccoli, i discorsi da persone adulte e mature si riducono drasticamente e si passa a una specie di attacco offensivo -senza possibilità di contrattacco- da parte di chi “ci è passato prima di te”.

°°°°°

All’improvviso il neogenitore si accorge di essere considerato una specie di ammasso di tessuti vitali senza capacità intellettive, che si muove e agisce in balìa di  una specie di slancio euforico che lo porta a fare errori su errori e a mettere a rischio la vita sociale e lo sviluppo psicologico del piccolo. Senza parlare delle carenze di cibo a cui lo espone già per il solo fatto di svezzarlo dopo i 6 mesi e non dopo i due e mezzo.

Quindi, in breve, evitando di farvi un elenco delle peggiori sentenze che si sentono in giro, che riguardano salute e alimentazione dei bebè, passo direttamente alla soluzione: saprete voi quando sarà il caso di applicarla.

Dovete assumere un’espressione molto interessata e serafica, guardare il personaggio che ci è passato prima di voi in faccia, e possibilmente sorridere; mentre dirà le sue grandi verità, voi dovrete fare di sì con la testa ed annuire con tutto il corpo, con tutto il vostro essere: maggiore sarà il vostro impegno nell’accogliere il consiglio , maggiore sarà la probabilità che termini l’esposizione della grande teoria del secolo. Potete, se siete un po’ esperti, anche evitare di ascoltare quello che dicono, cercando sempre di mantenere la testa posizionata verso l’interlocutore, cercando di non dimenticare che è lì davanti a voi.

Quando avrete applicato questo metodo in maniera veramente proficua, sarà troppo tardi, i vostri figli avranno già barba e/o ascelle depilate, però nel frattempo sarete riusciti, andando avanti, a raffinare sempre di più la tecnica e ad avere le vostre piccole soddisfazioni di genitori-ascoltatori-fantocci.

Provate e non ve ne pentirete!

Vi è mai capitato di farlo? Ne avete mai sentito l’esigenza?

Lasciate un commento!

Clicca e condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

8 thoughts on “La raffinata arte del sì sì con la testa

  1. Dopo quasi 3 anni sono cintura nera di quest’ arte!

    1. delia

      Ciao e grazie per aver letto! L’allenamento costante, infatti, è fondamentale…:)

  2. Questa tecnica è molto astuta… ci vuole molto autocontrollo per metterla in pratica ma poi funziona, è vero! Grazie del post, mi ha fatto molto sorridere :-))

    1. digìta

      Grazie per aver apprezzato! Il self control si sviluppa col tempo, poi però, se ne gusta il sapore!

  3. io non riesco a far finta di niente mi da ai nervi chi crede di sapere tutto o chi continua a dare consigli non chiesti… io vorrei rispondere fatevi i c::::::::::::::::::::: vostri a mia figlia ci penso io…. a qualcuno l’ho fatto ad altri lo fatto con un modo un tantino più educato ma il succo era quello ma c’è proprio chi non lo capisce… a presto cara

    1. digìta

      Certo, è comprensibile, la tecnica si affina con gli anni e ci vuole mooolta gavetta!! La fatica di essere genitori è anche questa! Grazie per il commento, a presto

  4. digìta

    ciao Paola, grazie.
    Lo sai, la cosa è reciproca!!

  5. Paola

    Ti adoroooooo!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*campo richiesto