Genitori senza sonno, uniamoci

dog

 

Cosa differenzia i genitori con figli che dormono da quelli con figli che non dormono?

A parte l’alto livello di esaurimento nervoso e la bassa capacità di sopportazione del partner, specie appena alzati, ho capito che ci sono alcuni lati affascinanti nell’essere dalla parte sconveniente di questa barricata.

Sì, perchè io con entrambi i figli ho sperimentato questa esperienza unica e irripetibile, intensa, sfidante e anche stancantissima. Non dormire mai a sufficienza, e per mai, intendo proprio mai, intendo mai svegliata spontaneamente, mai appisolata al primo desiderio di appisolarmi, mai avuto il piacere di gironzolare per casa di mattina coi figli ancora nei letti. Lo so che tanti non riescono neanche a crederci, oh, beati voi.

Io non riesco a credere che un bambino di meno di 6 anni possa addormentarsi prima di me e svegliarsi dopo di me, per due volte di fila! A volte è successo, sì mi è capitato, con una media di circa una volta all’anno.

Comunque, siccome leggo ovunque che la felicità va trovata nelle piccole cose e che le difficoltà aiutano a fortificarci e a farci “capire chi siamo”… ho pensato di stilare questo pentalogo, in modo da affrontare meglio la questione e di condividere questo sforzo verso la positività con altri genitori non dormienti per scelta obbligata. Magari scopriamo insieme chi siamo.

Per i genitori con figli che hanno sempre dormito: potete anche leggere, ma non capirete mai! 🙂 E non preoccupatevi, se vostro figlio ha avuto qualche malanno e vi ha tenuti svegli due,tre o quattro notti di fila, non vale: quelle sono eccezioni; siete e restate ugualmente genitori che dormono. Anche se ogni stagione vi fate qualche nottatina irritante.

1) Se i tuoi bambini dormono poco sia di giorno che di notte…passi più tempo con loro! Sembra una banalità, ma è una specie di privilegio: con tutto il tempo che passi a cercare di ninnare, consolare, offrire ciucci, biberon, tette, pupazzi, automobiline, crackers, peppa pig, trenino thomas…etc…Stai conoscendo tuo figlio! Stai sviscerando i suoi gusti, le sue preferenze, i suoi entusiasmi, stai passando il famoso tempo di qualità con lui! Perché il genitore che vuole far addormentare il figlio nel bel mezzo della notte, ci mette davvero tutta la pazienza del mondo. L’amore del mondo, la calma del mondo, la tattica psicologica del mondo. Tutto questo impegno certosino, servirà a qualcosa nella costruzione col rapporto coi nostri figli no? Mi auguro di sì. Non può essere dedizione a fondo perduto. Impossibile.

2) Diventi ottimizzatore di spazi e tempi: nell’ unica ora di nanna diurna dei figli, sai che devi fare 25 punti della tua lista e sai che non hai tempo…E dai oggi, dai domani, scopri che in quell’ora puoi fare dell’incredibile. Diventi talmente tanto esperto nel fare velocemente che ti chiedi: ma cosa faranno mai quelle mamme coi figli che dormono 5 ore ogni pomeriggio, per tutto quel tempo? E soprattutto, oltre ad imparare a usare al meglio i minuti che scorrono, si impara anche a fare le faccende di routine coi pargoli tra i piedi, una cosa anche bella, la casa viene vissuta appieno, insomma il figlio c’è, e ti abitui (fin da piccolissimo) ad ottimizzare anche gli spazi e la disposizione degli oggetti della casa in base alla sua presenza. Sì dai, anche qui, ci siamo, è vero, è una cosa positiva!

3) Quando ti riposi, ti riposi davvero. A volte chiudo gli occhi per un minuto mentre i bimbi fanno una pausa cercando di buttarmi giù dal letto alle 6 di mattina e mi sembra di avere anche sognato. Se lasci i figli per 5 ore ai nonni sai che hai 5 ore libere. Altrimenti non le hai. Ecco lì è difficile gestire il tempo, si rischia di gongolarsi e non concludere nulla, e magari per voler strafare non riesci neanche a riposarti davvero, ma insomma è sempre un’esperienza semi-mistica, che non a tutti è permessa. Solo per pochi, solo per noi.

4) Quando si addormenta per caso nel tragitto casa-supermercato o casa-luogo per il picnic, ti credi protagonista di un miracolo. Allora accosti e decidi: se vedi che pian piano inizia a muoversi e a riaprire gli occhi, riparti subito e liberi tutta la fantasia possibile per macinare km: fai quella strada che non avevi mai fatto, provi a vedere se il navigatore dice la strada giusta per andare da casa dei tuoi al supermercato, fai i giri di tutti i distributori entro 10 km per fare il pieno dove costa meno, finalmente provi a capire quali funzioni abbia l’autoradio nuova.

Se invece continua a dormire pure a macchina ferma, finalmente puoi guardare lo smartphone, mandare mail, leggere lo spam, leggere i centomila messaggi su watsapp, finire i quadri di candycrush, leggere il giornale, il meteo l’oroscopo e compagnia bella.  Bello dai, uscire per fare la spesa e rientrare dopo due ore e mezza. E poi la sera si addormenterà ancora più tardi del solito, però almeno hai cazzeggiato come un preadolescente! Liberamente e senza criterio.

5) Prima o poi, auguro a tutti prima possibile, proverai la meravigliosa sensazione di realizzare che sì, tuo figlio inizia a dormire. Inizia ad andare a letto senza rito, libro, minaccia, tv, streaming, yuotube, sfinimento di entrambi, occhiaie, incubi a occhi aperti. Arriva il sonno e vuole andare a letto. Ci va e poi dorme. Tutta la notte. Si sveglia (presto..non saranno mai dormiglioni, almeno per me è ancora così, ma confido nell’adolescenza). Sarai incredulo ed esaltato. Finalmente riscoprirai il piacere di leggere o vedere un film di sera. In caso di esaltazione estrema, può anche venirti in mente che sei pronto per avere il secondo figlio!! Quindi mi chiedo…ma i genitori di figli che dormono molto, quand’è che decidono di fare il secondo figlio??

 

Qui sono curiosissima di sapere la vostra, quindi, per favore commentate! Mal comune mezzo gaudio.

 

 

Condividi su altri luoghi del web:

11 thoughts on “Genitori senza sonno, uniamoci

  1. Io come Maddalena: un primo “normale” (nel senso: 5 mesi di passione, poi con lo svezzamento ha iniziato a dormire come un sasso), fatta la seconda che era un angelo: 7 ore fin dall’ospedale, dico solo questo. Mi son detta: “vabbè il primo non dormiva perché non era ingranato l’allattamento, adesso ho capito che se mangiano dormono”. See…è arrivato il terzo, una belva assetata di sangue e sonno materno (oltre che di latte). E infatti, niente, a un anno ancora si sveglia varie volte

  2. Eccomi a dondolarla perché altrimenti non dorme e se non riposa è peggio… è la mia prima bimba… 6 mesi e … 6 mesi proprio come ho letto. .. svegliarsi durante la notte ogni mezz’ora. . 20 minuti… quando mi dice bene 2 ore… e sempre e subito a mille … Che dire. .. mi fa piacere vedere che non sono sola ma soprattutto matta… e pensierosa nel sapere che sarà ancora molto lungaaaaa…

    1. Ciao tatiana! Pensa al presente,magari la tua bimba inzierà prestissimo a dormire…L’importante è pensare sempre all’oggi e a recuperare il sonno appena si può! A presto!

  3. Grande post!
    Mi riconosco soprattutto nel primo punto.
    Quest’inverno ho attraversato un periodaccio in cui tornavo tardi a casa dal lavoro e morivo dalla voglia di stare con i miei figli. Ho ringraziato la vita che entrambi i miei bambini andavano a letto tardi perché di sera recuperavamo tutto il tempo perduto.
    Ketty

  4. Sei stata così esauriente (nonostante ti creda esaurita 😉 ) che non posso aggiungere nulla alla pentalista, complimenti alla tua positività! Io tre figli: dirai “allora dormiglioni, se no sei un’eroina”. Il primo era impossibile, poi, migliorate le cose, abbiamo fatto il secondo, che è stata una femmina: docile, brava, dormiente. E, lì, l’errore: “allora è questa la maternità, non quella che avevo creduto col primo. Perché non facciamo il terzo?” Ed eccolo, formato femmina ma senza il gene della stanchezza, solo quello dell’isteria quando l’ora del riposo si avvicina. Un paio di testimonianze? Subito! http://www.pensierirotondi.com/dormi-ti-prego/
    Poi abbiamo risolto, dopo 13 mesi di disperazione senza sosta, mettendola in cucina: http://www.pensierirotondi.com/ti-abbiamo-messa-dormire-cucina/
    Lo so, ha dell’incredibile, ma regge.
    Grazie per il tuo post, grandioso!
    Felice di averti scoperta, tornerò sicuro.

    1. Bello il tuo stile, molto poetico. Grazie per aver commentato e certo, con 3 pupi, si prova di tutto…proverò pure io il lettino da campeggio in cucina!!! Non si sa mai 🙂

  5. Eccomi. Due figli che non hanno mai dormito. M-A-I. E che ora si gode il meritato riposo, come dici tu nell’ultimo punto… Non sono mai riuscita a ridere sulla mia mancanza di sonno, fino a che ho letto il tuo post! Sono proprio io!!!! Monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *