Archivi categoria: IdeeShopping

I soliti film di Natale? Ma anche sì!

il post parla dei miei film di natale preferiti per bambini. In genere non scrivo articoli in base al calendario e mi piace scrivere cose che siano rileggibili in qualsiasi momento dell’anno.

Questo, però, è il primo Natale che passerò in compagnia del mio blog. Quindi voglio scrivere un articolo natalizio. Ma unirò alla mia solita manìa di suggerire idee per i bimbi, un certo desiderio di rendermi utile: so che passare le vacanze di Natale, coi bimbi in casa, non è semplice.

auguri

 

Quindi mi diletto in una dissertazione sui migliori film di Natale per bambini da vedere da soli, in famiglia, con gli amici, coi nonni…

Pellicole per tutti, alcune un po’ datate, forse viste e riviste: ma i bimbi sono piccoli, per loro niente è trito e ritrito; da qualche parte dovranno pur cominciare

Continua la lettura di I soliti film di Natale? Ma anche sì!

Il miglior gioco!

image-728739_1920

 

Nei momenti in cui i miei bimbi improvvisano giochi bellissimi con qualsiasi oggetto capiti loro tra le mani mi sento in pace con il mondo; vederli giocare per più di mezz’ora con il tubo della carta igienica o con le mollette del bucato mi affascina e mi mette addosso un gran senso di quiete.

Siamo inondati di giocattoli, e qualcuno ha pure il coraggio di accusare il bambino di “stufarsi presto” e di mettere via il giocattolo nuovo già dopo pochi giorni.

Ma come si fa a dargli torto? Continua la lettura di Il miglior gioco!

Il bambino è competente, lo sapevate?

bambino-competente

Sapevate che secondo alcuni educatori, il bambino, anche molto piccolo, è già competente, ne sa già tante?

Continuando il percorso sui libri educativi e per capire qualcosa di più sui nostri figli, oggi passo a parlarvi di un libro-cult, che ho letto durante la mia seconda gravidanza e che mi ha davvero aperto gli occhi.

A questo proposito inserisco una citazione che adoro, da sempre, anche da prima di avere figli, del grande filosofo e teologo Jung:

se c’è un qualche cosa che vogliamo cambiare nel bambino, prima dovremmo esaminarlo bene,

e vedere

se non è un qualche cosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi.

Queste parole mi affascinano: ho sempre pensato che il bambino abbia sempre qualcosa da insegnare agli adulti, e che troppo spesso gli adulti si sentano troppo “arrivati” rispetto ai piccoli. Se vi piace la frase, vi piacerà sicuramente anche il libro che vado a recensire. Continua la lettura di Il bambino è competente, lo sapevate?

Un bel libro sulle famiglie, contro l’omofobia

two-moms-dads-parr

 

In occasione della giornata mondiale contro l’omofobia, oggi consiglio a tutti un bellissimo libro per bambini che spiega con parole semplici e ottimi disegni le normali diversità all’interno delle nostre famiglie.

Il titolo è: Il ibro delle famiglie, di Todd Parr, titolo originale The family book, edizioni Piemme-Il battello a vapore.

Il libro tratta temi come adozione, colore della pelle, vicinanza, mancanza dei cari, adozioni, stili di vita, figli con un solo genitore in comune. Continua la lettura di Un bel libro sulle famiglie, contro l’omofobia

Mamme, avete le giuste app?

mamma-tea

 

Spulciando le notizie del giorno, vedo che oggi è lo #sweepday, cioè un giorno in cui le autorità di diverse nazioni si stanno occupando della sicurezza e della tutela della privacy per quanto riguarda le applicazioni per smartphone rivolte ai ragazzi tra gli 8 e i 12 anni. Bellissima iniziativa! Ma per chi, come noi, ha i figli ancora in età 0-6 anni, e che quindi a limite usano lo smartphone dei genitori per qualche giochino, e non ne hanno uno proprio, ho pensato di elencare 5 app utilissime, per i genitori! E anche per i futuri genitori 🙂

Continua la lettura di Mamme, avete le giuste app?

Acquisti per bebè e lista nascita: come non perdersi d’animo

regalini

Perché la lista nascita? Per non avere roba acquistata in preda all’euforia della nascita e che poi  resta parcheggiata in un armadietto o in garage.

Personalmente non ho fatto lista nascita, nè comprato molto: con la mia prima gravidanza ero ancora indaffarata a sistemare casa e perciò ho fatto appena in tempo a prendere lettino fasciatoio e trio; con la seconda, avevo già tutto e non ho dovuto fare grandi integrazioni (se non qualche capo maschile).

La maggior parte degli oggetti che non ho usato sono arrivati in regalo, e/o sono stati doppioni, ma anche triploni. Ha un senso fare la lista nascita? Continua la lettura di Acquisti per bebè e lista nascita: come non perdersi d’animo

Gestione dei pannolini lavabili: il mistero svelato

 

i pannolini si gestiscono come il resto del bucato!

Il più grande mistero della pratica dell’uso dei pannolini lavabili: come si gestiscono?

Con tutto il da fare che si ha quando c’è un bimbo piccolo, i ritmi stravolti, l’aumentato numero di lavatrici, il sonno arretrato, ecc ecc ..come è possibile avere il tempo di stare a lavare i pannolini? Anzi…com’è possibile avere il tempo di pensare anche ai pannolini…non solo lavarli. Risposta-banale-, ma è questa: volere è potere. Che non vuol dire fare la mamma martire che di notte strofina i pannolini con le occhiaie e i piatti nel lavello.

“Stare lì a lavare i lavabili, non si campa più…” Mah..non bisogna mica lavarli d’inverno al fiume con una temperatura di 2 gradi. Volendo, il carico dei pannolini lavabili di inserisce nei programmi famigliari di gestione bucato come si inserisce il carico di un nuovo sport, di una nuova passione, o come si inserisce una qualsiasi attività in più a quelle preesistenti. Si fa un po’ di programmazione e si fa come tutte le altre faccende. Niente di assurdo.

 

donne al fiume400

 

Ogni tipo di pannolino ha le sue caratteristiche: io uso i pocket con interno in pile e inserti staccati, inseribili a seconda delle necessità. Uso poi il velo catturapupù che è un velino sottilissimo che si toglie al cambio; si butta nel cestino sia se è solo umido sia ovviamente se contiene il profumato “solido”.

Cosa resta? Il pannolino da lavare, che si può tenere in un bidoncino, a secco, con un po’ di bicarbonato sul fondo per attenuare eventuali odori. Il lavaggio va fatto a giorni alterni o al max ogni due giorni. I prodotti da usare sono : percarbonato di sodio per lavare e igienizzare; acido citrico come deodorante/ammorbidente. Come si fa il carico in lavatrice? Come al solito. Temperatura tra i 40 e i 60 gradi. Centrifuga al massimo, non si rovinano. Si stendono come tutti gli altri panni…sul filo, con la molletta. I pocket, essendo scomponibili, asciugano presto: considerate gli stessi tempi dei capi di intimo.

Si raccolgono si riassemblano e sono pronti. Mi sembra strano scrivere queste istruzioni..insomma si gestiscono come tutto il resto.

Domande frequenti:

Continua la lettura di Gestione dei pannolini lavabili: il mistero svelato

Perchè i pannolini lavabili? Anzi, perchè no?

 

pannolini

Dunque, faccio parte di quella stretta cerchia di gente che anni orsono, nel lontano 2008, incappò in questa specie di revival di una pratica usata per centinaia di anni..l’uso dei pannolini lavabili (abbreviati con PL) per bambini .

Il revival sta ad indicare che non è soltanto un tornare indietro e quello che facevano le nostre nonne, ma è anche la rivisitazione di una vecchia pratica: il pannolino di nuova generazione è studiato per ridurre al minimo i fastidi per il bambino e per permettere alla mamma lavanderina di continuare lo stesso a vivere secondo i ritmi della propria epoca.

 

Cosa mi ha convinto a usarli?

Continua la lettura di Perchè i pannolini lavabili? Anzi, perchè no?